L’ESSENZA DELL’ESSERE

Le persone più significative che ho incontrato sono quelle che hanno conosciuto la sconfitta, la sofferenza, l’umiliazione e, da queste radici in loro è fiorita la stima, la sensibilità la vitalità perché si sono formate sotto qualsiasi cielo! Da loro ho imparato che dimenticare non vuol dire non ricordare ma ricordare senza soffrire, in loro ho percepito il valore di un pianto sincero di chi ha sofferto ingiustamente, più che il suono di un sorriso calcolato. Solo nell’indossare il loro animo si comprende quanto pesa ogni singola emozione, nella loro orbita di storie silenziose che echeggiano all’ombra di lacrime che scolpiscono nell’anima le paure del loro essere ma, nell’asciugarle si identifica la consistenza di chi lotta perché ogni tramonto si colori di passione senza che sbiadisca mai del tutto nei giorni a venire, confondendosi con il resto della loro natura. I loro sentimenti sono celati tra le rughe dell’essenza dell’essere che li ha temprati, non li udirai ma nel viverli ti irradieranno l’anima e scalderanno il cuore . . . come i sogni che se tornano sono frutto del destino! (N.C.)

> Pagina Facebook <

> Canale YouTube <

> Instagram <

. . . buona vita a tutti!

Credits: Stefan Keller kellepics su pixabay.com

DISCLAIMER

Cecchi è responsabile di quello che scrive, non di quello che capisci! (N.C.).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti