IL VENTO DEL DUBBIO

Le prese le mani tra le sue e  la guardò dritta negli occhi fino in fondo all’anima, erano occhi pieni di vita che esprimevano tutta sé stessa in un palpito di ciglia. Per lui che viveva nei suoi sguardi sullo sfondo di pensieri senza tempo, i suoi lineamenti erano nelle sue riflessioni quotidiane, il suo nome era nelle frasi più significative, il suo profumo in ogni respiro lontano da lei. Eppure le sfumature dei suoi dubbi arrivavano ad eclissare tutto ciò! La lealtà, la fiducia e il rispetto nei suoi confronti si sentivano minacciati dal qualunquismo. Il presente vestito da un logoro passato lo aveva già ferito, l’insoddisfazione lo aveva raggiunto agevolmente ed era cosciente che non esisteva collante per un cuore a pezzi. Capita gli disse con voce soffocata: “Che poi quando non hai voglia più di crederci, ti cade addosso gran parte del tuo mondo ma, tu non dubitare mai di me, soprattutto non diffidare della mia lealtà, della mia fiducia e del mio rispetto nei tuoi confronti. Spegneresti il sole dentro me”. Era consapevole che non doveva mai lasciare che il vento del dubbio la portasse via nel ciclone del fallimento. Il volersi bene nella sua sincerità è un seme prorompente e senza terra, quando meno te lo aspetti germoglia facendoti tornare a vivere, perché i veri sentimenti non hanno età, non tradiscono e non deludono! Le lasciò lentamente quelle mani che lo resero uomo in tempi non remoti e le chiese: Dimmi adesso cosa è più importante di quel che abbiamo dentro e non c’è niente di più naturale che fermarsi un momento a pensare che nel dubbio si vive sul bordo del mondo pronto a farti precipitare nel baratro dello sconforto  Lei gli riprese le mani ricordandogli il benessere che le concedevano quelle eloquenti gesta e rispose mentre una lacrima dava un valore aggiunto alle sue parole:Allora non ti resta che chiudere gli occhi per un attimo e, spiegando le ali delle tue sensazioni più profonde quelle che partono dal cuore, percepirai in quel preciso istante la pazienza di chi ha fiducia, la lealtà di chi sa ascoltare e il rispetto di chi sa capire. Il vento divenne brezza in un abbraccio! (N.C. ud)

> Pagina Facebook <

> Canale YouTube <

> Instagram <

. . . buona vita a tutti!

Credits: Takmeomeo Tú Anh  su pixabay.com

DISCLAIMER

Cecchi è responsabile di quello che scrive, non di quello che capisci! (N.C.).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti