APE (Aiuto Potrei Estinguermi)

Il problema è grave perché, nel mondo, le API degli alveari ormai muoiono a milioni! Le API, infatti, sono una specie in via di estinzione e l’uomo ne è corresponsabile.

A prescindere dall’importanza di questo indispensabile insetto alato. Noi “bipedi” siamo scarsamente attenti al futuro! Il 70% dell’agricoltura mondiale dipende esclusivamente dalle API. I dati parlano chiaro, vedi gli studi condotti da: National Geographic, Apiculture Corporation del Cile, Earthwatch Institute, Universidad Mayor. Le piante non possono riprodursi da sole: hanno bisogno dell’impollinazione, che la natura ha individuato soprattutto nelle API. E senza impollinazione possiamo dire addio a moltissime piante e vegetali, la fauna ne resisterebbe negativamente con effetto domino, a stretto giro morirebbe di fame e quindi noi? Attenzione! Non è una sentenza apocalittica, è semplicemente la cruda realtà.

Le API hanno un ruolo fondamentale nella sostenibilità dell’ecosistema terrestre. Oltre al ruolo diretto nella produzione del miele, le API sono un indicatore biologico della qualità dell’ambiente e attualmente rappresenta una delle emergenze ecologiche in corso.

Le API sono l’emblema dell’operosità, in un sistema perfetto, dove tutti hanno un compito e nessuno da ordini. Grazie alla loro indiscussa laboriosità, troviamo a portata di “bocca”: ciliegie, albicocche, susine, meloni, pomodori, zucchine, soia, girasole, colza, cipolle, mele, carote, limoni, cetrioli, sedano, cavoli, cavolfiori, broccoli, angurie, agrumi, pere, mandorle, pesche, kiwi, castagne, etc. etc.

Dobbiamo agire rapidamente e per far questo abbiamo ancora alcune soluzioni, prima fra tutte le stop immediato all’uso di sostanze nocive per loro, promuovendo soluzioni agricole più sostenibili e monitorando attentamente la loro salute e il loro benessere.

APE , Aiuto Potrei Estinguermi . . . per colpa di voi bipedi, terribilmente egoisti!!!

“Se le API scomparissero, gli umani avrebbero 4 anni di vita” si narra abbia detto Albert Einstein.

> Pagina Facebook <

> Canale YouTube <

> Instagram <

. . . buona vita a tutti!

Credits: Sven Lachmann Seaq68

DISCLAIMER

Cecchi è responsabile di quello che scrive, non di quello che capisci! (N.C.).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *